martedì 5 febbraio 2013

SAMIZDAT'


 
Molti anni fa lessi “Mosca sulla Vodka” di Venedikt Vasilevic Erofeev (titolo originale Moskva-Petuški) un romanzo che prima di essere pubblicato circolò in dattiloscritto nei circuiti non ufficiali della cultura moscovita, raggiungendo ben presto una grande popolarità.
Non ricordo molto di quel romanzo, se non che il protagonista viaggiava su un treno locale intorno a Mosca e irrideva sarcastico e dolente alla società sovietica, al ritmo di incontri occasionali e solenni bevute.


Ciò che mi affascinò fu che quel romanzo era nato come  “samizdat”, che  in russo significa "edito in proprio", un fenomeno spontaneo che esplose in Unione Sovietica tra la fine degli anni cinquanta e i primi anni sessanta. In pratica consisteva nella diffusione clandestina di scritti illegali perché censurati dal regime sovietico. Il meccanismo era semplice: l'autore scriveva il testo facendo alcune copie con la carta carbone, poi le distribuiva agli amici; se questi lo trovavano interessante lo distribuivano a loro volta…
Un esempio simile che mi è caro è l’esordio poetico di Ferruccio Brugnaro che ciclostilava le proprie poesie e le affiggeva nelle bacheche delle fabbriche di Porto Marghera dove lavorava come operaio. I suoi scritti erano palpitanti di lotta e di impegno.

 pubblicazioni  Nina edizioni
Io che sono portata a dissacrare il dissacrabile, non mi faccio scrupolo di immettermi in questa scia di autorevoli autoprodotti, e rispondendo semplicemente al mio gusto per la scrittura, per la lettura e soprattutto per il gioco, faccio anch’io da me: poesie, racconti, piccoli testi teatrali (miei e di amici e familiari) li stampo col computer in formato opuscolo, con tanto di indice, numerazione di pagine, copertina colorata, presentazione e logo della... Nina edizioni.


Poi li distribuisco a tutti coloro che hanno la bontà di dedicarmi un po’ del proprio tempo per leggerli…







 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

39 commenti:

  1. Sai Nina, ho appreso con piacere questa tua felice iniziativa della Nina Edizioni. A suo tempo scrissi per il mio blog alcuni racconti
    troppo lunghi e allora li pubblicai a puntate.
    La cara blogger Nou mi chiese di volerli unire uno per uno e ne fece dei libretti propio come quelli di cui parli te e che ho visto quì sopra nelle due immagini. Ho pubblicato anche post con dei brevissimi testi per scenette teatrali ma non poesie, non ne sono capace. Già faccio fatica a scrivere ciò che pubblico nel blog figurati per i versi. Se ti va e se hai tempo posso inviarti via mail (la tua non la conosco)quattro racconti formattati, coaì tanto per dargl un'occhiata.
    Ove tu volessi inviarmi qualcosa di tuo con lo stesso metodo il mio indirizzo mail è il seguente: aldo.accardo@tiscali.it
    Buon lavoro e un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro Aldo, sarà un piacere ricevere e leggere i tuoi racconti. La mia mail è: giovannalarizza@libero.it
      A proposito di versi, i miei li ho chiamati "Parole per cantare" perché le ho immaginate più come testi di canzoni che poesie. Alcune mi piacciono, ti manderò le mie preferite.
      Un abbraccione e, mi raccomando, non smettere di scrivere

      Elimina
  2. Grazie per la visita. Anch'io faccio altrettanto col tuo. Buon samizdat, dunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Poeta, teniamoci in contatto!

      Elimina
  3. Anch'io, quand'ero inedito, preferivo stamparmi e rilegarmi dei formati A4 tipo copione cinematografico e regalarli a pochi eletti, invece di andare a foraggiare i furbacchioni che pubblicano a caro prezzo schiere di mitomani e di illusi...
    Quando ci incontreremo, spero di avere il privilegio di ricevere quello che ritieni, a tua scelta, il tuo scritto migliore...
    A proposito: spero che oggi, dopo aver letto e commentato il mio pezzo anti-Duma, tu sia andata a vedere un po' più sotto, dove c'è il programma del mio tanto atteso minitour del Veneto... :)
    Ciao! E (speriamo) a presto!

    RispondiElimina
  4. A proposito, è stato divertente quando, due anni fa, stampai una trentina di copie del racconto di mia sorella Teresa "Marucumbu" e le portai a Bova, il nostro paese di origine dove ci ritroviamo l'estate. Le mettemmo in vendita nell'edicola del paese: andarono via tutte e facemmo anche una ristampina. Fu una grande soddisfazione per me e per Teresa, che ricevette perfino la lettera di un ammiratore.
    Ho finalmente trovato le indicazioni per venire alla presentazione del tuo libro e non mancherò. Sarò felice di donarti uno dei miei manufatti.
    A presto!!!!!

    RispondiElimina
  5. Ciao Nina, è molto interessante quello che scrivi (potrei farlo anch'io con i miei versi e con i miei disegni!)

    Inosltre, mi piacerebbe molto essere tra i lettori dei tuoi scritti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Cristina che potresti farlo anche tu! Anzi sono certa che con le tue doti artistiche saprai creare qualcosa di veramente bello.
      Nella risposta a Aldo c'è il mio indirizzo e-mail. Se ti fa piacere leggere i miei racconti puoi scrivermi e ci accordiamo per farteli avere.
      Un bacio

      Elimina
  6. Ma sai Nina bella che mi dai un'idea formidabile...
    In questo momento di crisi con il blog , che molto probabilmete , lascerò o si addormenterà per un po'...pensare alla Samizdat ,mi riempie di speranza..
    Il problema mio, che non lo so proprio fare...
    Ah...beata tecnologia!
    Bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nella, felice di averti dato una buona idea.
      Se ti pare difficile, ma non lo è, puoi sempre appoggiarti alla Nina-edizioni: il servizio è gratuito!
      Però spero che non molli il tuo blog, per me è interessante e istruttivo.

      Elimina
  7. Che bella sorpresa, Nina,mi hai fatto anche pubblicità per il libro Marucumbu, ma anche per la bella iniziativa che certo qualcuno copierà.Io ho pensato di mettere sul blog tutto quello che ho scritto,
    e le sodisfazioni che ho avuto, per esempio il primo premio al concorso bandito dalla rivista "NOI DONNE" =Siamo tutti soggettisti=.A fra qualche giorno. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo mettere qua la mia risposta ma per motivi misteriosi si è posizionata più in basso. E' quella che racconta di Ninì.
      Ciao Terry e a presto a leggere le tue opere.

      Elimina
  8. Un ottimo modo per divulgare la cultura!! ' Sicuramente da copiare, visto i tempi che corrono...Un abbraccio Nina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Riri,
      dunque dacci dentro anche tu, che hai tante belle cose da condividere!

      Elimina
  9. I meii complimenti Nina, son ricordi che rimarranno in eterno.
    Ti ringrazio della visita gentile
    a te il mio abbraccio forte

    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Maurizio
      grazie anche a te e un abbraccio sincero

      Elimina
  10. mi dicono che dovrei fare altrettanto,
    non so se lo farò,
    a vedere dalla mole di lavoro sei esperta nell'autopubblicazione!

    Vai a Verona o a Padova?
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Massimo, sì sono orgogliosa del mio "lavoro". Quelli che ho fotografato non sono tutti i titoli, ce ne sono altri che ho sparpagliato di qua e di là e li ho persi, sto cercando di recuperarli. (Come ho detto più sopra la Nina-edizioni è a disposizione degli amici)
      Io andrò sicuramente a Padova che è più vicina a dove abito. Ci vedremo?
      Ciao

      Elimina
    2. non credo che ci vedremo, a Padova è di pomeriggio e poi mi toccherebbe fare 300 chilometri tra la nebbia, non ne ho nessuna voglia
      , sarà per un'altra volta.

      Elimina
  11. Sai che mi piace trovare il lato divertente di tutto, mi piace giocare. E poi mi piace fare le cose invece di aspettare che accadano.
    Ti racconto come è cominciato: ero da Chicca e le ho fatto un'intervista che ho registrato con la telecamera. Ninì era in poltrona e pareva si disinteressasse. Invece, ogni tanto, interveniva a precisare un ricordo, a fare un commento. Quando abbiamo finito si alzò e mi diede un quadernone in cui aveva scritto i ricordi della sua vita, chiedendomi di rivederlo e sistemarlo.
    Fu un lavoro che mi appassionò e alla fine pensai di impaginarlo come un vero libro, e glie ne feci qualche copia. Poi come sai fu stampato davvero con il titolo che avevo suggerito io: "Ninì, l'avventura di un uomo".
    satisfation!

    RispondiElimina
  12. Fai bene a fare così,io anche faccio cose simili,poi è giusto dire che rimangono nel tempo le scritture e tu sei molto brava.
    Come sempre molto coinvolgente,buona serata Nina.

    RispondiElimina
  13. Caro Achab, come sempre sei gentile e molto gratificante. Ricambio le attestazioni di apprezzamento.
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  14. Bene Nina, la prossima estate cercheremo di fare qualche altra intervista per es. lo zio Gesu e Peppinu Pagliapoli. Poi faremo qualcosa. Un bacione.

    RispondiElimina
  15. Non scrivo molto, ma adoro leggere. Una bella iniziativa. Un caro saluto.

    RispondiElimina
  16. Grazie, macchè, simapatia. Non mi conosci. Sono un ferro ritorto.
    Ciao

    RispondiElimina
  17. Sono arrivata anche da te,Nina,con i miei tempi da lumaca.Spirito imprenditoriale certo e il piacere di vedere subito realizzare dei sogni.
    Me ne mancano,delle tue pubblicazioni,bisogna che ci aggiorniamo..
    Hai avuto il CD da Nando,a proposito del suggerimanto diTeresa per le interviste di questa estate?.Se no,prova a sentirlo.Io non so come fare per metterlo sul blog,se hai suggerimenti,li accetto con piacere.
    Un abbraccio e vado a leggere qualche altro tuo post.Ciao

    RispondiElimina
  18. ciao Nicola, il tuo passaggio e il tuo saluto sono sempre un piacere!

    RispondiElimina
  19. Cara Chicchina, mi mancava il colloquio con te, i tuoi commenti sempre puntuali e pertinenti.
    Spirito imprenditoriale, dici. Un po' è vero, ho sempre tante idee che mi fanno fantasticare di imprese e attività eclatanti. Poi in genere si risolve tutto in gioco, o divertimento e per me è già tanto.
    Non ti dico cosa ho in mente per la prossima estate...
    Non ho avuto alcun cd da Nando,e non so a cosa ti riferisci, ma cercherò di contattarlo.
    Intanto un abbraccione e a presto
    Nina

    RispondiElimina
  20. Ti faccio i complimenti per l'iniziativa e ti suggerisco la pubblicazione con licenza Creative Commons.
    Salutoni a presto.

    RispondiElimina
  21. Cavaliere, prezioso come sempre! Mi informerò su Creative Commons
    un saluto e grazie

    RispondiElimina
  22. Il Cav. è un amico che ci informa sempre.
    Buon wuik:-)

    RispondiElimina
  23. Ciao Nina .
    Complimenti !Sei piena di idee genuine che mi sorprendi sempre di più con il tuo spirito imprenditoriale in qui sei davvero brava .Non sapevo che avevi pubblicato un libro Ninì, l'avventura di un uomo"se lo metti nel post lo leggo volentieri . Ti faccio i miei auguri . Un bacio e buon fine settimana . Lina

    RispondiElimina
  24. Lina, grazie dei complimenti. L'avevo già in mente e presto pubblicherò alcuni brani, quelli che preferisco, del Libro di Ninì Martelli.
    Ciao Carissima

    RispondiElimina
  25. Ciao Nina, complimenti! Ho visto che fai delle bellissime copertine colorate. Anch'io preparo i miei libretti formato opuscolo da qualche anno, con Adobe InDesigne CS4, ma non riesco ad elaborare i colori con quel programma. Proverò con Word. Per il momento riesco ad inserire un'immagine e il titolo in prima pagine e note biografiche in quarta. E' una bella soddisfazione editarsi un libro, soprattutto è una gioia :)

    Un abbraccio

    Nou

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nou, i tuoi commenti sono sempre molto graditi. Mi aveva già raccontato Aldo che anche tu editavi i tuoi libri. Ciò mi conferma l'impressione che avevo avuto conoscendoti e cioè che abbiamo più cose in comune.
      Io le copertine le faccio con Power Point e con una stampante a colori vengono fuori come voglio, alcune sono riuscita anche a plastificarle con una macchinetta che un amico di mia figlia mi aveva prestato. Penso che me la comprerò perché l'effetto è molto buono. Con mia figlia Giulia, che è un'artista e fa disegni bellissimi, stiamo progettando - appena sarò in pensione - di metterci assieme e realizzare libri illustrati. Chissà...

      RispondiElimina

      Elimina
    2. E' un progetto bellissimo!
      Mi viene la voglia di iscrivermi ad un corso di computer dove imparare ad usare meglio i programmi accennati sopra.
      Potrebbe farlo uno dei miei figli, ma è un pessimo insegnante per persone anziane e lente come me :))

      Elimina
  26. Passo per augurarti una felice serata.
    Salutoni a presto.

    RispondiElimina
  27. Sei in gamba! Tante volte mi sono promessa di farlo con i miei scritti. Prima o poi ci proverò :)

    Un abbraccio.

    RispondiElimina

Post più popolari