lunedì 7 ottobre 2013

RI-PRO-POSTA

Versi che avevo postato all'inizio della mia presenza nel blog e che erano stati letti solo da due persone (che ancora ringrazio)
Il tema mi sta a cuore e li ripropongo



FIGLI

Quando non penso a voi con le parole
ma solo col pensiero primordiale
sempre nella mia testa c'è animale
la vostra presenza accanto a me

Figli oramai cresciuti
lontani allontanati
voi abitate
mondi a me sconosciuti
E il sole del mattino non fa sconti
a illuminar tramonti!

Qui la vita si allenta
si perde la fatica
e col pilota automatico innescato
arranco nelle mie giornate
ascoltando canzoni
inseguendo ragioni

Al crocevia dei rancori
impavida gestisco
in equilibrio tremulo
speranza e malumori

Sul bordo al limitare
le intirizzite piume sto a spulciare

Quando va male aspetto
sospendo le intenzioni
abbasso le emozioni
sto acquattata
ha da passa’ a nuttata.

31 commenti:

  1. E' passato qualche anno da quel tuo primo post e dal mio primo commento.Ripeterei le parole di allora,ma letto oggi,dopo averti meglio conosciuta attraverso gli altri tuoi scritti,ogni verso,ogni parola mi sembrano ancora più veri e profondi.Essere madre,che mistero di emozioni,sensazioni,paure,speranze..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Chicchina,
      I tuoi commenti sono sempre preziosi e mai scontati!
      grazie di cuore!

      Elimina
  2. E se permettete signore anche nell'essere padre si provano emozioni e paure specialmente sei ha un solo figlio che è totalmente il tuo bastone della vecchiaia.
    Ad ogni modo cara Nina i tuoi versi sono veramente molto significativi.
    Ha da passa' a nuttata...sperando che sia buona.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, Aldo,vale anche per i padri!
      grazie delle tue parole, ciao

      Elimina
  3. Cara Nina sorellina, quanti sentimenti sprigionano i tuoi versi e quanti somigliano al sentire del mio cuore. Anch'io penso ha da passa', ma poi passerà?
    Passo ad altro, ti dico che oggi sul "Quotidiano della Calabria" Giuseppe Cilione ha scitto
    un bell'articolo per ricordare "poeti in piazza", riportando il ricordo che di Pasquino ha fatto Serena e all'amicizia che a fasi alterne ha accumunato questi al papà e alla loro pssione per la politica. Serena è stata molto incisiva e convincente, una voce molto applaudita, durante la commemorazione del caro amico, nella biblioteca civica di Brancaleone. Passando ancora ai figli, viva i figli! Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Terry
      Ho visto su you tube l'intervento di Serena, me l'ha detto lei oggi,
      Una bella cerimonia, sicuramente commovente.
      Mi sarebbe piaciuto partecipare.
      Un salutone

      Elimina
  4. Non l'avevo letta...
    I figli ispirano sempre versi toccanti, perchè dettati da emozioni e dal cuore.Un abbraccio cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Riri, allora valeva la pena ri-postarla.
      Grazie!

      Elimina
  5. Bene hai fatto a riproporli, carissima!
    Un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  6. Grazie Nick, felice che tu li abbia letti!
    Ricambio!

    RispondiElimina
  7. Quel nido vuoto è l'immagine adatta a questi tuoi versi.
    Quando i figli vanno via ci sembra che tutto intorno cambi..ma poi il nido vero quello sempre affollato e mai vuoto sta nel nostro cuore,dove immagini,ricordi, le prime parole, i primi passi e tutto ciò che viene dopo..e li custodito nel nido del nostro cuore, che mai sarà vuoto.

    Hai fatto bene a ri-postare e noi mamme nei tuoi versi raccogliamo un po' della nostra vita di mamma.
    Ha nuttata passerà, passerà
    Tutto passa il buono e il male.

    Ti abbraccio e notte felice.

    Ciao Nina

    RispondiElimina
  8. ciao Cara Rosy,
    come sempre mi rispecchio nelle parole di te che ti rispecchi.
    Ti ringrazio e ti abbraccio

    RispondiElimina
  9. Versi che esprimono temi e sentimenti che toccano la sensibilità di molti genitori, direi di tutti i genitori in un modo o nell'altro. Poesia molto profonda che hai fatto molto bene a riproporre.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Cara Nou, mi gratifico delle tue parole
    grazie!

    RispondiElimina
  11. Un abbraccio e buona domenica:-)

    RispondiElimina
  12. Che bella Nina mia, peccato che tu scriva troppo poco..credimi..
    Sensazione che mi piacerebbe realmente provare e invece....
    Per ora e per me salvo solo" ha da passà a nuttata!!!
    ++++++++++

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Nella, davvero!
      Vedrai che passerà, a nuttata, presto!
      Un abbraccio

      Elimina
  13. Ottima la scelta di riproporla.
    Ti auguro un buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
  14. Stavolta i lettori son parecchi di più
    è passata a nuttata?
    A menon mi passa mai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Massimo
      Disperavo di leggere un tuo commento e invece eccoti. Grazie!
      Il fatto è che passata 'na nuttata subito un'altra ti si piazza davanti!
      E' una battaglia senza fine
      A presto

      Elimina
  15. Im miei figli sono ancora piccoli ma spesso mi sorprendo a pensare al momento in cui spiccheranno il classico volo...
    La cosa mi preoccupa non poco, anche se non credo d'essere un padre-padrone.
    Ma certo, loro crescono, loro cresceranno e ed i genitori (magari col tempo) per loro diventeranno sempre meno importanti; nel senso, però, che loro non dipenderanno da noi più di tanto.
    Ma è altrettanto certo il fatto che si ha il timore di poter essere dimenticati...
    La tua poesia è grande, Nina: ha detto tutto quello che (forse) ho capito io. "Solo", lo ha detto molto, molto meglio!
    Salutone!

    RispondiElimina
  16. Riccardo, che piacere!
    Gradisco molto i tuoi complimenti e sono felice di aver potuto condividere con te pensieri e stati d'animo.
    In quanto ai figli, il tempo aiuta a farsene una ragione, del fatto che non siamo più tutto il loro orizzonte.
    Ma, almeno per la mia esperienza, non ci dimenticano e con l'inquietudine alla fine si impara a convivere, perché è giusto così.
    Grazie ancora e a presto!

    RispondiElimina
  17. Mi piace molto,complimenti.
    Ciao Nina.

    RispondiElimina
  18. ho un figlio oramai grandicello e il nido l'ha abbandonato da un pò..e lo lascio volare...intano mi coccolo la mia cucciolotta..ma ancora per poco!!

    molto bella la poesia Nina..complimenti

    RispondiElimina
  19. Che piacere Alessandra!

    Penso anch'io che l'autonomia dei figli è il miglior premio per i genitori!

    grazie della tua presenza e a presto!

    RispondiElimina
  20. Hai fatto benissimo a riproporla, perché io me l'ero persa e mi è piaciuta molto. La levigatezza con cui accarezzi i ricordi è molto bella.

    RispondiElimina
  21. Ti ringrazio Vincenzo
    è un piacere e un onore ospitare i tuoi commenti e ciò che dici mi gratifica molto!

    RispondiElimina

Post più popolari