lunedì 25 marzo 2013

Arieccomi...






 




com o outono nos cabelos
è vocé ainda
aquela menina,
que debruçava à janela
que queria saber...
 
 
 
 Con l'autunno nei capelli e sei ancora tu
quella bimba sul muretto che si sporge giù
Con la fronte aggrottata, preoccupata
che cos'era mai
era il futuro era la vita
è quello che non sai
O scontrosa o forse schiva
non sapevi se
ti trovavi al posto giusto
se toccava a te
Volevi esserci ma avevi paura
camminavi rasente ai muri
e la vita ti chiamava
la vita ti aspettava
Già truccata ragazzina
abbracciata al mare
con le mani nella sabbia
pronta a cominciare
Le tue scelte tutte fatte
a gran velocità
e l'esperienza che ti serve
solo a sbagliare ancora
Quante volte indifferente hai lasciato partire il treno
chi lo sa se peggio o meglio
forse era destino
Con le mani nella sabbia
con l'autunno nei capelli
e sei ancora tu
aggressiva, ancora viva
non sei stanca mai
Ci riprovi ancora adesso
scherzi, ridi a volte fingi ma non piangi mai.
Non ti aspetti più di tanto
dalla vita
ma vuoi giocare ancora
Ti va bene, ti va male
vada come va...

Sono riuscita finalmente a recuperare la vecchia fotografia alla quale faccio riferimento in questa canzoneinattesadimusica che era stato il mio primo saluto dal blog (credo passato quasi inosservato).
Così ho pensato di ripostarla, ora che la mia "perizia" informatica mi consente effetti speciali.
PS: se non si fosse capito, c'è anche la versione in portoghese, una lingua che mi piace molto...








20 commenti:

  1. Hai proprio ragione Nina, sono parole, versi per cantare. Infatti mentre la leggevo mi sembrava di sentire musica come è musica la lingua portoghese.
    E' lecito sapere se quella splendida bimba sia una certa NINA?
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
  2. Sì caro Aldo è proprio quella certa Nina...
    Ciao e grazie!

    RispondiElimina
  3. Cara Giannina Nina, quella foto certamente te l'ho fatta io. Ero io
    la fotografa di casa e quindi molto probabilmente è così, anche se
    non ne sono poi sicura.
    Quanta tenerezza per la sorellina più piccola, così intelligente e
    vivace, biricchina, con uno spirito e una maturità infantile sorprendente. "Piccola sorellina che in agosto sei nata, eri la più piccina e per questo più amata.........ecc. ecc. "
    Un forte abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Si penso che l'hai fatta tu.
    Ciao e grazie!

    RispondiElimina
  5. Nina sei UNA GRANDE!
    Quanto ti ho ignorata, non abbinando te a "paroleintrecciate".
    Cristiana

    RispondiElimina
  6. Cristiana grazie! Anche tu per me sei una grande. Felice di re-intrecciare parole con te, a presto ciao

    RispondiElimina
  7. N ha buon di! Versi che rileggero' e sai perché ma son certa che capirai... sembran'o che son stati scritti per me e per tutti coloro che hanno vissuto la loro vita con L'autunno nei capelli e son rimasti gli stessi. Che grande fortuna passare tra i vicoli e vicoletti della vita ...attraversarli e capire che in questa ardua attraversata son più le cose che hai raccolto che hai lasciato di te' si capisce anche il perché... quello che avevi d i tuo era la giusta prefazione alla vita che ti attendeva. Grazie ninetta un grazie e bacetto alla piccola Ninetta e un bacio grande alla Grande Ninetta....Quanto ho scritto, questo di scrivere sul tablet e un altro scoglio che cerco di superare:-) Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rosy, credimi è una felicità ritrovarti nel mio blog. E' un segno che tutto va nel verso giusto e riprendi le tue forze fisiche e morali, e me ne rallegro.
      Quante belle parole hai scritto anche tu e che brava ad arrangiarti col tablet...!
      Grazie e a presto con un grosso abbraccio

      Elimina
  8. Cara Nina, hai descritto con foto e poesia quello che la vita ci offre, l'età spensierata (almeno così dovrebbe essere e spesso non è stata per alcuni), ero passata per augurarti buona Pasqua e trovo questa bambina bella e paffutella, già piccola donna riflessiva. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riri sei simpatica e gentile. Ti ringrazio del pensiero e ricambio gli auguri che comunque verrò a farti nel tuo blog. Mi fa sempre piacere incontrarti perché sei una persona speciale
      Ciao e grazie

      Elimina
  9. Porco boia Nina, pè bella davvero
    io non m'intendo di poesie ma questa mi piace
    e mi piace anche quella ragazzina che pare donna
    che siede sul muretto e vede distante
    un po' preoccupata e un po' felice.
    Ciao.

    RispondiElimina
  10. Caro Massimo (o Paolo? non ho ancora capito come ti fa piacere essere chiamato):grazie. La tua amicizia mi conforta e mi gratifica. Ribadisco che non la intendo come poesia ma come il testo di una canzone che se incontrerà chi voglia dedicarle una buona musica potrà, allora sì, volare nell'etere.
    Se ti piace ne sono felice perché è vera e io sono ancora quella bambina lì.
    Un caro saluto e incorciamo le dita...

    RispondiElimina
  11. Ho parlato della foto e non ti ho detto quanto mi è piaciuto il testo della tua canzone, che ti dipinge con tutti i tuoi sentimenti e le emozioni di ora e di quella bella bambina di allora.

    RispondiElimina
  12. Muchas gracias Terry,
    ciao e buona pasqua (anche se purtroppo ancora piove!)

    RispondiElimina
  13. Parole da accompagnare con la chitarra,ed una buona voce intonata..e ci sei tutta in questi versi,la voglia di crescere in fretta,di scoprire il mondo,dietro l'ultima curva,l'incertezza per le cose che non sappiamo ancora ma che non ti hannoimpedito di cercare.
    Poi la vita fa il resto, e premia, comunque chi osa.
    Mi ha fatto piacere rileggere i tuoi versi,e reincontrarti.
    Ti faccio anche gli auguri per una Pasqua serena e col sole,speriamo.Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Chicchina, sei l'unica che la rilegge. La presenza di nuovi amici mi fa superare l'imbarazzo di averla riproposta, e ti ringrazio per averla ri-commentata.
      Un abbraccio e mille pensieri gioiosi

      Elimina
  14. Grazie sempre di tutto e tanti auguri per Pasqua a te e ai tuoi cari,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aldo, grazie a te dell'amicizia.

      Elimina
  15. Sembra una bellissima canzone dolceamara. E che dolce lingua, il portoghese!

    RispondiElimina
  16. Grazie Nick, chissà che non lo possa diventare una bella canzone dolceamara. La versione in portoghese l'avevo fatta, aiutata da un'amica madrelingua, pensando ad una grande interprete brasiliana, Maria Bethania, che anche lei ha l'autunno nei suoi splendidi lunghi capelli e non se ne fa un cruccio, ricorrendo a tinte posticce... io la adoro (chi la conoscesse è pregato di farglielo sapere)
    Ciao carissimo

    RispondiElimina

Post più popolari