lunedì 13 gennaio 2014

IL MIO PRIMO VIDEO CLIP

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Spero di esserci riuscita!
Dopo vari tentativi e molte perplessità, mi decido a pubblicare un video fatto qualche anno fa.
A suo tempo fu pubblicato da Alec su My Space e lì ricevette alcune critiche che lo indussero a toglierlo.
Non dico il tenore di quelle critiche che non condivido per non influenzare nessuno.
Preferisco correre il rischio di essere fraintesa che stare a rimuginare e perciò eccolo qua: siete liberi di sparare a zero, risponderò nel merito!
Di seguito metto il testo e la traduzione della canzone:
 
(La qualità del video sarebbe migliore ma qui è venuta così!)
 
 
 
video


Au loin

Elle demeurait près d'une étable
elle fleurissait dans un jardin
elle rayonnait dans un palais, au loin

Elle etait belle et redoutable
c'est moi qui portait son cartable
nous marchions vers l'ècole  au loin

Pour engager la discution
je sifflotait une chanson
et rallait du poid du cartable, de loin

Elle rèpondait sans compation
que son cartable n'était pas plein
et qu'on n’était plus… très loin

Au loin , dèjà au loin
                                 Au loin deja au loin
                                 Au loin deja au loin...

Quand on arrivait a l'école
je lui rendais toutes ses affaires
Pierrot singeait mon mal de dos , au loin

Je m'approchait de mes copains
en m'vantant d'ma nouvelle affaire
je la regardait, de loin

(
ritournelle)

A la sortie dans la soirée
je m'proposait de l'accompagner
elle m'envoyait jouer  plus loin

Mais j'espèrait la rattraper
pour enfin lui prendre la main
loin des regards moqueurs, au loin.

(
ritournelle)

Je me pressait pour la rejoindre
et la trouvais sans son fardeau
Pierrot sifflotait autour d'elle  tout près

L'interaction fut redoutable
je récupérait le cartable,
non mais ho hè, A la fin.

(ritournelle)

Lontano

Lei abitava in uno stabile
Lei fioriva in un giardino
Lei splendeva in un palazzo di lontano

Ella era bella e temibile
Sono io che portavo la sua cartella
Camminavamo verso scuola lontano

 Per avviare la discussione
Io fischiettavo una canzone
E rallentavo per il peso dalla cartella, lontano

Lei rispondeva senza compassione
Che la sua cartella non era piena
E che non eravamo ormai molto lontani

Lontano, già lontano
Lontano, già lontano
   Lontano, già lontano…

Quando arrivavamo a scuola
Le restituivo le sue cose
Pierrot scimmiottava il mio mal di schiena da lontano
Mi avvicinavo ai miei compagni
Vantandomi della mia nuova storia
E la guardavo di lontano

(ritornello)

All’uscita, la sera
Mi proponevo per accompagnarla
Lei mi mandava a giocare più lontano
Ma io speravo di riacchiapparla
Per prenderle infine la mano
Lontano dagli sguardi beffardi, lontano

(ritornello)

Mi affannavo a raggiungerla
E la trovavo senza il suo carico
Pierrot le fischiava attorno da vicino
Lo scontro fu spaventoso
Io recuperai al cartella
Ma alla fine….

(ritornello)

 

26 commenti:

  1. Secondo me ci sono solo troppe dissolvenze, o effetti similari.
    Forse le critiche erano su questo aspetto?

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Grazie Moz!
    No, assolutamente, le critiche non erano su aspetti "tecnici" ma sui contenuti.
    Probabilmente hai ragione sulle dissolvenze e anch'io vedo un sacco di difetti.
    In ogni caso spero di migliorare e continuo, è troppo divertente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, se continui e ti diverti migliori sensibilmente.
      Beh, guarda, tecnicamente a me pare che ci sia solo qualche dissolvenza di troppo, che potrebbe rallentare il ritmo... Per il resto non ho nulla da dire :)

      Moz-

      Elimina
    2. Grazie di nuovo allora!
      Se ti va di vederli ce ne sono altri due che ho messo sul blog "Giochi estivi" che ho realizzato successivamente a questo e "Il mio primo film" (primo in assoluto) sotto l'etichetta Divertissement
      ciao!

      Elimina
    3. Ok, grazie per la segnalazione...! Li vedo e ti dico :)

      Moz-

      Elimina
  3. Una sorpresa, veramente una bella sorpresa. Curioso video e curiosi alcuni personaggi.
    Sei anche regista, complimenti.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
  4. Caro Aldo, sei sempre presente e amico. Grazie!

    RispondiElimina
  5. Ho visto con molta attenzione il video.
    Cercando di trovare una critica:-)
    non ne ho trovato nessuna.
    Come regista sei una promessa. Sinceramente a me piace, sia la musica, le parole e come funziona tutto..il messaggio che intendevi arriva.
    La cartella pesa e tutti la prendono e la lasciano e lui poverino la riprende.
    Il messaggio che arriva fa passare inosservato la qualità del video, almeno per me.

    Continua che sei brava!

    Un sereno pomeriggio con abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rosy, tu sei la mia prova del nove!
      Mi gratifica molto ciò che dici, anche se so che è la voce dell'amicizia che parla. In realtà sono consapevole del mio dilettantismo, ma siccome mi diletto, continuo (sto preparando altre cose).
      Mi fa soprattutto piacere che ti piaccia la canzone. L'autore è un artista un po' particolare ma a mio giudizio con degli sprazzi di genialità che meritano di essere conosciuti e apprezzati.
      Un grazie di cuore cara amica e a presto!

      Elimina
    2. No Nina la mia non è stata una sviolinata all'amicizia, ho scritto quello che pensavo e sentivo.
      Il messaggio arriva, scusa se mi ripeto e poi guarda che mica è facile per delle persone che non hanno mai girato nulla mettersi a fare dei video.

      Quello che sopratutto ho afferrato e che anche a te piace il video, altrimenti dopo le critiche avresti desistito a postarlo, forse sbaglio o no non ha importanza, quello che conta che questo video è tuo, tuo tuo! Si, mi piace la canzone e il video..va avanti e fa filmati seguendo sempre il tuo istinto, lui non sbaglia mai.

      Abbraccio da una Caserta piovosa.

      Elimina
  6. Il primo che hai realizzato, ma non il primo mostrato su questo blog: ricordo quello sull'estate al mare, assai più poetico e bello. Anche questo non mi dispiace, anche se mi sfugge il significato della cartella: la scuola inutile? la società oppressiva? le tradizioni assurde? o semplicemente le vere cartelle dei nostri scolari, davvero troppo pesanti e pericolose per la schiena? Anche difficile inquadrare il rapporto fra il protagonista e la ragazzina (all'inizio sembra il padre, e mi viene da dire Beato chi non ha figli, vedendolo spezzarsi la schiena per quella vamp abbastanza antipatichella - ecco, forse l'unica mia vera critica è proprio questa: se volevi fare della ragazzina un personaggio positivo forse dovevi darle un abbigliamento e degli atteggiamenti da bambina più simpatica e semplice, ma naturalmente si tratta solo di mie vaghe impressioni!)

    Un abbraccio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'intento di questo video, che è precedente a quello che ricordi (che, condivido, è migliore) era di raccontare la canzone: il ragazzino che pur di stare vicino alla compagna le portava la cartella, e lei che lo snobbava e alla fine gli preferiva Pierre e lui che ci rimane male ma non si sottrae al suo ruolo di cavalier servente e bistrattato.
      Il gioco del filmato è nel sovrapporsi di presente e passato che si confonde nei ricordi del protagonista. Questo almeno negli intenti.
      Mi piace però che tu ci abbia trovato anche altre cose.
      Grazie, ricambio l'abbraccio!

      Elimina
  7. Non capiwsco dove stavano le critiche così forti da indurre a togliere il filmato, a me piace anche perchè ha una dimensione ironico surreale e mi va bene così.

    RispondiElimina
  8. Massimo, ti sono grata, ora ti spiego perché ero così titubante:
    Quando il video fu messo su My Space qualcuno non colse la dimensione surreale e onirica che tu hai apprezzato per la quale il protagonista della canzone (ora adulto) ricorda la compagna di scuola di quando erano bambini e lo tacciò di pedofilia. Ecco perché, pur non capacitandomene, avevo paura a proporlo. Il tuo commento e quello degli altri amici mi rassicurano e mi gratificano.
    Ti ringrazio davvero!.

    RispondiElimina
  9. Hai fatto bene a postare questo tuo primo lavoro,anche superando i tuoi timori,che non riguardavano la qualità del filmato.Non sempre si riesce a far giungere il proprio messaggio,ma qui a me sembra chiaro,basta saper leggere con occhi liberi da preconcetti e pregiudizi.Una buona voce,quella di Alec.A te i complimenti per i tanti interessi che sai coltivare con passione e risultati gratificanti.

    RispondiElimina
  10. Grazie Chicchina, spero che Alec venga a leggere i vostri commenti, penso ne sarà contento.
    Un abbraccio e a presto!

    RispondiElimina
  11. Una realizzazione carina e particolare. Nina complimenti
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio veramente!
      Un caro saluto

      Elimina
  12. Cara Nina, dopo tanti giorni ho aperto il P.C.,e trovo questo tuo video. L'avevo già visto e
    sentito qualche critica, specie dalla mamma di Alec, Chicca, perchè suo figlio risultava
    trasandato, con la pancia, non facendo bella figura. Per il resto sono rimasta incantata
    dal bellissimo panorama sul mare, la rocca del capo, lo strapiombo di Capo San Giovanni, la bellissima spiaggia di Bova. Ciao, un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si lo so le ho sentite anch'io le critiche di Chicca.
      A parte il fatto che Alec in questo video lo trovo splendido, bisogna poter fare il salto mentale e non vederci il proprio familiare, bensì il personaggio.
      Vero che lo scenario merita di per sé di essere ripreso!

      Elimina
  13. Sono riuscita a vedere il video, finalmente. La mia impressione è stata di persone che aspettano di incontrarsi perché dovrebbero passare di lì, o aspettano l'incontro. La cartella è il fardello del vivere e comunque un anello di congiunzione. C'è gioia o comunque uno humor positivo nell'accusare il lasciare e prendere la cartella e c'è la natura ariosa, solare e limpida nell'affontare il percorso. Non ho collegato molto presente e passato, ma è solo una mia svista.
    Mi è piaciuto tantissimo.
    Complimenti, Nina!

    RispondiElimina
  14. Carissima Nou,
    ciò che hai scritto mi gratifica davvero: sono parole molto acute e profonde che danno valore e significato alla video e alla canzone.
    Grazie davvero!
    Ti abbraccio Nina

    P.S. se ti va ce ne sono altri indietro nel blog. L'etichetta è: divertissement

    RispondiElimina
  15. Ciao cara. Io non ho ancora imparato, ma ogni tanto fa piacere un video. Lo trovo bello, soprattutto per il testo in francese, lingua che adoro.La storia è semplicemente vita! Complimenti sinceri, brava!!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  16. Riri
    è sempre un piacere trovare un tuo commento.
    Vero che la canzone è bella'
    Alec ne ha scritte tante, molto belle e mi auguro che possa avere il successo che merita!
    A presto, un abbraccio anche a te.

    RispondiElimina

Post più popolari