giovedì 6 ottobre 2011

Licenza poetica

Io conosco il cuore degli uomini
lo seguo quando vola alto
portato su dalle correnti ascensionali
delle grandi passioni e dei gesti ideali

Quando distilla il succo della vita
e tronfio si esibisce
indifferente ferisce
raramente capisce

Quando baratta la coscienza
con meschina mercede
Quando professa e non crede
Quando prega
usando tutte le buone maniere
e intanto ti frega

Quando avanza a fatica
e si appende alla vita
inciampando e riprovando
nascondendo gli scacchi
digerendo gli smacchi

Quando batte in picchiata
e a fine giornata
non riesce a sperare
ma vorrebbe ululare
come un cane malato
cattivo e disperato.

49 commenti:

  1. Dio quanta è bella!
    Parole per cantare e per pensare.
    Ti confesso che leggendo le tue parole mi son venuti i brividi.

    "Quando avanza a fatica
    e si appende alla vita
    inciampando e riprovando
    nascondendo gli scacchi
    digerendo gli smacchi"

    Grazie, per l'emozione
    in questi versi mi ci trovo.
    Digerire gli smacchi, vale molto di più di dare scacco matto.

    io gioco a scacchi ma così per hobby e davvero si deve essere forti a digerire lo scacco matto quando è continuo, ma non mi arrendo.
    questo è solo una mia battuta parlando del gioco.
    che non centra nulla con le tue bellissime Parole Cantate.

    Ciao

    RispondiElimina
  2. Come nasce una poesia? Per me nasce da una parola, da una frase, che mi accompagna e mi martella per giorni. A volte capita che a attorno a questi suoni si condensi un nucleo di significato, a cui poi si aggregano altre parole, come attratte da una calamita...
    Questi versi mi frullavano in testa da un bel po', oggi hanno preso una forma accettabile (secondo me) e ve li propongo...

    RispondiElimina
  3. cara Rosy
    leggere subito il tuo commento mi ha riempito di gioia!
    Ti dirò che aver incontrato in questi giorni le tue riflessioni, quelle di altri "amici di pensiero" ha avuto la sua parte nel decidermi a "buttarmi fuori", superando i dubbi e affrontando la fatica, in bilico come sono sempre tra superficie ed acque fonde.
    Grazie davvero
    Nina

    RispondiElimina
  4. Quel groviglio di parole che ritornano,girano intorno e vorrebbero uscire,farsi voce e segno,quando trovano il momento giusto,l'atmosfera,allora e solo allora diventano poesia. E tu riesci sempre a regalarci emozioni,con versi bellissimi. Ciao,Nina
    Io sto godendomi ancora qualche scampolo dell'estate bovese,ma ora sono proprio agli sgoccioli.

    RispondiElimina
  5. NINO CIAO.
    Che bella questa tua stupenda poesia... cantata. Sono rimasta senza parole credimi . Grazie per avermi regalato questa grande emozione .
    UN BACIO E BUON FINE SETTIMANA LINA

    RispondiElimina
  6. Ciao Nina, Sono accordo con Rosy è bellissima questa poesia.
    Le presunzione dell'uomo che viene poeticamente descritta con tutte le sue sfaccettature.

    Ciao Nina,una vera sorpresa la Tua inclinazione per la poesia.
    Un abbraccione e buona notte.

    RispondiElimina
  7. Cavaliere gentile, ti ringrazio
    a presto

    RispondiElimina
  8. cara Chicchina grazie davvero! Goditi fin che puoi l'estate bovese e poi la bella Sicilia, qui oggi è proprio autunno
    una notte buona e con sogni belli ciao

    RispondiElimina
  9. Lina sei un tesoro come sempre
    un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Caro Adamus grazie dei complimenti: è bello che ti sia piaciuta.
    Un caro abbraccio e una notte felice a te

    RispondiElimina
  11. Cara Nina, buogiorno
    Se vai sul mio blog troverai qualcosa per te.
    Ciao.

    RispondiElimina
  12. ciao Nina, Chiccina mi ha fatto leggere la tua canzone che mi ha dato la scossa. Vorrei essere una musicista per poterla vestire di una significativa armonia che potesse rendere la forte sensazione di phatos che le tue parole suscitano , almeno al mio sentire. Ti faccio un abbraccio, presto tornerò a Sesto poi mi applicherò un di più al computer, che spero di imparare presto. Ciao Teresa

    RispondiElimina
  13. ciao Teresa, è un piacere trovarti, grazie del commento e a presto sul tuo blog

    RispondiElimina
  14. Ciao Nina,complimenti poesia molto bella e coinvolgente,mi piace come scrivi,ho ricevuto una bella emozione,grazie.
    Buona serata.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  15. Ciao Achab: grazie molte! Anche tu "mi piace come scrivi" e penso che ci incontreremo ancora.
    Un abbraccio Nina

    RispondiElimina
  16. Buona settimana a te e alle tue bellissime parole intrecciate
    che mi fanno pensare da una bellissima treccia che ogni tanto si scioglie per regalarti e regalarci momenti di vera bellezza.

    Buona settimana bacio

    RispondiElimina
  17. Rosy, grazie e ricambio.
    A proposito di "Sparse le trecce morbide..." io amo e mi sento bene con i capelli lunghi. In questo periodo sono troppo corti per i miei gusti perché ho voluto tagliare via tutto il rossiccio finto, dato che intendo lasciarli così come sono: con qualche filo bianco che a ben guardare non sta male.
    E cresceranno, spero.
    Un abbraccio
    Nina

    RispondiElimina
  18. Nina anche io ho fatto la stessa cosa..tagliati cortissimi l'altro giorno e per la tua stessa ragione.
    Ma guarda un po?

    Ciao.

    RispondiElimina
  19. Che felice concordanza!
    ciao Rosy, che piacere...

    RispondiElimina
  20. Leggerti è come sognare Ciao Nina
    Maurizio

    RispondiElimina
  21. Maurizio sei un Tesoro!
    Mi ritengo lusingata della tua attenzione e onorata della tua conoscenza.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  22. ciao nina
    grazie di essere passata da me
    molto importante il messaggio che trasmetti con il tuo poetare...
    buon inizio settimana ^______^

    RispondiElimina
  23. ciao Nina
    volevo dirti che è stupenda questa poesia, ma forse non è passato il commento che ho scritto prima... forse ne troverai due... non lo so... ho avuto un problema con blogger
    un abbraccio e buon inizio settimana ^______^

    RispondiElimina
  24. caio Pupottina
    è un piacere ospitarti!
    Ti ringrazio e sappi che non mi prendo molto sul serio ma in ogni caso mi fanno molto piacere le tue parole.
    Inoltre colgo l'occasione per dirti che ti leggo più spesso di quanto non commenti e ti trovo deliziosa, anche quel tuo modo di scrivere in terza persona...
    Terzo: ti conoscerò meglio ma al momento posso azzardare che rispetto al titolo che hai dato al tuo blog ti trovo in assoluta controtendenza?
    Monogama e Innamorata. Beata te!
    Un bacione
    Nina

    RispondiElimina
  25. Parole vissute...Complimenti!1
    Gio'
    http://remenberphoto.blogspot.com/

    RispondiElimina
  26. Passo per augurarti una felice notte.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  27. E mi ci perdo nelle Tue rime... la forte affinità del Nostro vedere a volte mi confonde, non capisco dove inizia il Tuo pensiero e dove prosegue il mio. Questo osservare l'uomo nelle sue sfaccettature mi è congeniale, la maestria con la quale hai saputo rimarlo è da lode.
    Te la rubo per le mie "perle"...
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  28. Benvenuto Dual, grazie!
    E' un piacere incontrarti
    Nina

    RispondiElimina
  29. Ciao nobile Cavaliere
    felice giornata a te!

    RispondiElimina
  30. Francy carissima "celeste è questa corrispondenza d'amorosi sensi" come dice il grande Foscolo!
    Ultimamente non riesco ad esprimermi se non condensando i pensieri in poche parole: tutto mi è fatica.
    Non posso dire di essere infelice, solo come un po'in "standby", in attesa.
    Grazie dell'ospitalità tra le tue perle: è per me un onore.
    A presto con un abbraccio
    Nina

    RispondiElimina
  31. 35 commenti! E qui ci sono anche i maschietti! Complimenti.

    RispondiElimina
  32. Gentile Luigi A. Morsello
    questa visita è un vero onore!
    In questa sede posso dire (dirti?) che decidendo di mettere sul blog i sopra scritti versi sapevo di correre qualche rischio.
    Ma dato che mi piace giocare (e rischiare), l'ho fatto.
    Con simpatia
    Nina

    RispondiElimina
  33. Stando alle regole delle 'Betiquette' il tu è d'obbligo, in questo caso anche un piacere-

    RispondiElimina
  34. Mannaggia a me, rileggendola confesso che mi piace, salvo uno o due ritocchi meramente formali.
    Ad esempio, io avrei scritto, anziché: "ed intanto ti frega", "e intanto ti frega", quella 'd' sembra un inciampo, non fa scorrere il ritmo. Idem per quest'altra: "ed a fine giornata", secondo me anche in questo caso la 'd' appesantisce.

    RispondiElimina
  35. Grazie Luigi, ne sono felice e terrò conto dei suggerimenti che condivido.
    Mi auguro future occasioni di approfondimento e scambio.
    Nina

    RispondiElimina
  36. Francy,
    grazie a te ho potuto conoscere e confrontarmi con una persona interessante e non scontata
    Un abbraccio
    Nina

    RispondiElimina
  37. CARA NINA .
    Vengo sempre più volentiere per rileggere questa poesia . Versi capaci di far sentire tutta la lora tristezza con parole dolcissime . Spero che presto ne scrverai altre .
    BUON FINE SETTIMANA LINA .
    che

    RispondiElimina
  38. ciao Lina, grazie e a presto
    Nina

    RispondiElimina
  39. Dove trovare un dono pari al tuo canto?Vorrei donarti, e forse non basta, il sibilo del vento quando si leva, i lidi battuti dal mare, la voce dei fiumi sulle petraie della valle ( Virgilio) Franco

    RispondiElimina
  40. Ciao Franco, ben tornato:
    grazie che onore!
    E tu, hai scritto qualcosa? verrò a trovarti
    Nina

    RispondiElimina
  41. Ciao, Nina.
    Sono mancata due giorni dal blog
    e solo oggi sono qui a salutare tutti voi
    Ti auguro una felice serata domenicale
    e tanta gioia ciao bacio

    RispondiElimina
  42. ciao carissima, hai visto quanti commenti?
    E' la prima volta che ne ricevo così tanti, che bello!
    una buona domenica a te
    Nina

    RispondiElimina

Post più popolari